Dintorni ed Entroterra

San Marino

Una delle più antiche Repubbliche del mondo, quella di San Marino, sorge sul monte Titano, alto 739 metri sul livello del mare.
Mare che, visto dalle tre rocche della città, diventa una striscia blu brillante che incornicia la verde pianura sottostante.

Non è solo il panorama mozzafiato ad attirare qui migliaia di turisti ogni anno: San Marino, fondata secondo la leggenda nel 301 da un tagliapietre dalmata di nome Marino, ha un centro storico dall'aspetto medievale, in cui stradine strette e in salita si incrociano tra loro formando un dedalo in cui è bello perdersi, curiosando tra negozi di tutti i generi.
San Marino è stata dichiarata Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco nel 2008.

Santarcangelo di Romagna

A Santarcangelo l'aria è composta di azoto, ossigeno e arte. Qui sono nati poeti come Tonino Guerra, Nino Pedretti e Raffaele Baldini.

Qui, da quarant'anni, ogni luglio le strade, le piazze e le case si trasformano in palcoscenici e ospitano il Festival Internazionale del Teatro in Piazza.
Centinaia di grotte scavano il monte Giove, penetrando in profondità nel materiale tenero di cui è composto e lasciando aperti molti interrogativi sulla loro origine. Qui sorge una rocca malatestiana dove probabilmente morì giovanissimo il fratellastro di Sigismondo Pandolfo Malatesta, Roberto detto il Beato.

E' bello perdersi sulle scalinate che conducono al paese alto, osservati da gatti ben pasciuti che sonnecchiano sui davanzali e concedersi un aperitivo o una piadina in una delle pittoresche osterie.

Verucchio

Verucchio è un piccolo comune dalla grandi origini: tra il IX e il IV secolo a.C., infatti, questo territorio fu la culla di una civiltà molto raffinata, quella dei Villanoviani.
Una visita al museo archeologico della cittadina è imperdibile: qui sono conservati i preziosi reperti rinvenuti all'interno delle necropoli.

Corredi maschili e femminili che ci consentono di ricostruire la vita quotidiana di questo popolo fiero. A Villa Verucchio sorge anche il Convento francescano dei Frati Minori, fondato da San Francesco nel 1213.
La leggenda vuole che l'antichissimo cipresso che sorge nei pressi del convento sia stato piantato dallo stesso Santo.

San Leo

Sorge su di uno sperone roccioso aspro e imprendibile, tanto che per accedere al centro abitato è possibile percorrere un'unica strada.
L'imponente rocca montefeltresca è situata sulla punta più alta della grande massa rocciosa e sovrasta il paese: qui trascorse i suoi ultimi e tormentati giorni Giuseppe Balsamo, meglio conosciuto come conte di Cagliostro.

È possibile visitare la piccola cella dove fu imprigionato. In paese sono invece situati altri capolavori tutti da visitare come la Pieve e il Duomo romanico-lombardo del secolo XII.
Poco fuori dal centro abitato si trova il convento di Sant'Igne, recentemente ristrutturato, un posto incantevole immerso nella natura.

Sant'Agata Feltria

Inoltrandosi in Val Marecchia una visita a Sant'Agata Feltria è d'obbligo. Protagonista di fiere  paesane molto frequentate, come quella autunnale dedicata al tartufo, ha un centro storico incantevole dominato da Rocca Fregoso, che sembra sfidare la gravità, sorgendo su di un aspro sperone roccioso.

Sorge sulla piazza principale anche il singolare teatro Mariani, un piccolo teatro interamente realizzato in legno scelto anche da Gassman nel 1993 per la sua acustica particolare.

Gradara

A Gradara sorge il castello in cui probabilmente si consumò uno dei delitti più famosi della storia: quello di Paolo e Francesca, uccisi per mano del marito di lei e resi immortali dai versi di Dante.

È proprio la Rocca l'elemento che contraddistingue Gradara: si tratta di uno degli esempi meglio conservati di fortificazione medievale in tutta Italia. Tra le sue mura vissero Giovanni Sforza e Lucrezia Borgia, Sigismondo Malatesta e Isotta.
Il castello è recintato da una doppia cinta di mura che lo rende ancora più inespugnabile, intervallate da torri quadrate e percorso da camminamenti di ronda che permettevano di tenere controllato il vasto territorio pianeggiante.